Search Engine Optimization

La SEO nel 2017: i buoni propositi da seguire!

L’evoluzione del posizionamento sui motori di ricerca è sempre più veloce e, come spesso accade, Google su tutti sta modificando le proprie linee guida per le tendenze del futuro: mobile, local, contenuti. E’ su questi, e su altri aspetti, che la SEO si svilupperà maggiormente nel 2017. Occorrerà rimanere sempre aggiornati e sempre attenti, per aver sempre il proprio sito ben ottimizzato e visibile: il principio fondamentale da seguire sarà il “far felice” l’utente e, conseguentemente, il motore di ricerca.
Ecco quelli che saranno secondo noi i trend SEO nel nuovo anno, ponendoli proprio come dei buoni propositi da seguire:

1) Mobile First
E’ banale dirlo, ma questo è stato l’anno del mobile. Il traffico mobile ha superato quello desktop, anche in Italia, con una punta del 75% nel mese di agosto. Una User Experience ottimizzata per il telefono è fondamentale.
Inoltre, Google ha rilasciato recentemente il “Mobile First Indexing“, ovvero, l’indice con le quali vengono costruite le SERP partirà dalla versione mobile del sito e non più da quella desktop. In aggiunta, già da qualche tempo, se il motore di ricerca rileva la non esistenza di una versione mobile-friendly, questa viene segnalata su Chrome.
Per cui, avere un sito ottimizzato per la navigazione smartphone non è più un optional, ma un obbligo!
Mobile First Index Google

2) Il Local
Strettamente collegata al mobile, la Local SEO sta diventando sempre più preponderante in una strategia web. Sempre più spesso, infatti, le persone cercano un prodotto o un servizio su Google, digitando chiavi di ricerca associate al nome di città (ad esempio, “ristorante Milano”), oppure chiavi generiche (ad esempio, solamente “ristorante”) che restituiscono risultati locali, soprattutto da smartphone. Questa tipologie di ricerca sono molto circoscritte, pertanto hanno un tasso di conversione più alto rispetto a quelle generiche.
Per questo è importante eseguire al meglio tutte le strategie per rispondere al motore di ricerca nel modo più pertinente possibile: scheda Google MyBusiness, ottimizzazione on-page, utilizzo dei Microdata e così via.
Abbiamo anche scritto un articolo per un approfondimento sulla Local Search.
Google Local

3) Vocal Search
Anch’essa legata al trend smartphone, ma non solo, se si pensa che in America in risposta all’uscita di Amazon Echo, Google ha lanciato Google Home: si tratta di dispositivi per l’ambiente domestico, che consentono all’utente di parlare direttamente con Google, impartendo comandi ed effettuando ricerche. L’utente dialoga direttamente con Google usando la propria voce, ottenendo risultati ben diversi dai 10 link che troviamo nella versione desktop o mobile.
A parte questa novità, che rimane comunque lontana dalle nostre case, le ricerche vocali sono in continuo aumento, cosicché le interrogazioni effettuate al motore di ricerca sono più colloquiali. Occorre pensare anche a queste, rispondendo con contenuti proprio per chi potrebbe cercarci mentre sta guidando o, semplicemente, non ha voglia di scrivere e parla col proprio smartphone.
Google Home - Vocal Search

4) Contenuti, contenuti e ancora contenuti
Content is King è quanto dice Google da tempo. Ed è sempre più vero! In questo 2017 occorrerà integrare una strategia di Content Marketing, se non si vuole perdere terreno nei confronti dei competitor. Scrivere contenuti e farlo bene, è diventato un must per molti business. Google tende a premiare sempre più nei suoi posizionamenti un articolo scritto bene per l’utente e non per la macchina.
Content is King

5) HTTPS
Nell’ottica di avere un internet sempre più sicuro per l’utente, Google e i motori di ricerca in genere, stanno spingendo sempre più affinché si passi a questo protocollo, in sostituzione del classico HTTP. Ne abbiamo parlato più approfonditamente in questo articolo, segnalando i vantaggi che si possono avere con il passaggio all’HTTPS e quanto possa essere una cosa a cui pensare seriamente in questo 2017.
Certificato Https

6) Targetizza il cliente
Se n’era già parlato lo scorso anno e pian piano questa strategia sta sempre più prendendo campo: si tratta di studiare approfonditamente il tipo di cliente che vogliamo intercettare nel nostri business, targetizzandolo a tal punto da sapere cosa vuole esattamente da noi, fornendoglielo nel modo più chiaro ed appetibile possibile. Più sarà approfondita l’analisi e più sarà facile andare a capirne i bisogni, rispondendo con offerte e campagne mirate sulla sua persona.
Search Personas